Vuoi far crescere la tua impresa? La Regione Lazio ti aiuta con i suoi contributi a fondo perduto!

Puoi cogliere l’opportunità di ottenere il voucher internazionalizzazione della Regione Lazio, con cui potrai ricevere i finanziamenti di cui hai bisogno, per il successo della tua azienda sui mercati esteri.

Scopriamo insieme di cosa si tratta, l’ammontare del bonus e quali sono i progetti finanziabili.

Voucher Internazionalizzazione: i dettagli del bando 2020!

Direttamente dalla Regione Lazio arriva il nuovo Bando 2019/20 per l’internazionalizzazione d’impresa.

Si tratta di un intervento regionale diretto volto ad agevolare e sostenere la competitività delle MPMI laziali nel mondo.

In particolare, il bando regionale prevede un contributo a fondo perduto, in misura compresa fra il 45% e il 70% dell’importo complessivo del Progetto, per un minimo di 5.000€.

I termini per l’invio delle domande relative alla prima finestra, si sono aperti il 4 settembre 2019 e si chiuderanno il 31 ottobre 2019.

I Progetti devono essere realizzati nei periodi di riferimento di seguito indicati:

Finestra 1 dalla data della domanda (non oltre le ore 18:00 del 31 ottobre 2019) fino al 31 ottobre 2020.
Finestra 2 dalla data della domanda (non oltre le ore 18:00 del 31 ottobre 2019) fino al 30 aprile 2021.

Internazionalizzazione imprese: Chi sono i beneficiari?

I destinatari del bando voucher per internazionalizzazione sono tutte le micro, piccole e medie imprese, inclusi i Liberi Professionisti, titolari di partita IVA.

I beneficiari del bando devono svolgere la loro attività imprenditoriale in una sede operativa situata nella regione Lazio.

È prevista una riserva del 20% per le imprese aventi Sede Operativa in uno dei Comuni ricadenti nelle Aree di Crisi Complessa della Regione Lazio; il Progetto dovrà essere realizzato a beneficio di tale Sede Operativa.

Finanziamenti internazionalizzazione: i progetti ammissibili

A questo punto ti starai chiedendo quali siano i progetti che verranno presi in considerazione?

Sono ammissibili tutti i progetti volti al consolidamento o all’apertura della propria impresa nei mercati esteri. Le tipologie di interventi ammessi sono:

1. La Partecipazione a Fiere

La partecipazione ad eventi fieristici o saloni internazionali in paesi UE o extra UE purché siano manifestazioni prenotate prima della presentazione della domanda. Sono ammesse anche le manifestazioni fieristiche di carattere internazionale che si svolgono in Italia, purché incluse nel calendario fieristico predisposto in collaborazione con la Conferenza delle Regioni, il Ministero dello Sviluppo Economico (MISE), l’Associazione Esposizioni e Fiere Italiane (AEFI), il Comitato Fiere Industria (CFI) e il Comitato Fiere Terziario (CFT). Trovi l’elenco cliccando su questo link nel sito www.calendariofiereinternazionali.it;

È possibile includere nel progetto la Partecipazione a Fiere prenotate prima della presentazione della domanda purché l’Evento si realizzi dopo la presentazione della domanda ed entro il 31 ottobre 2020.

C’è anche la possibilità di ottenere rimborso di eventuali spese già sostenute per l’iscrizione ai suddetti eventi o per l’affitto degli spazi espositivi, a patto che queste non siano precedenti al 1 Gennaio 2019.

Saranno ammesse solo le spese connesse alla partecipazione a manifestazioni fieristiche, saloni internazionali, rilevanti eventi commerciali, quali a titol esemplificativo e non esaustivo:

  • affitto di spazi;
  • espositivi e inserimento nel catalogo dell’evento,
  • progettazione e allestimento dello stand,
    trasporto e assicurazione dei materiali,
  • servizi di interpretariato e hostess,
  • produzione di materiali promozionali.

Non sono ammissibili le spese di viaggio, vitto e soggiorno connesse alla partecipazione all’Evento.

2. Servizi TEM

Ovvero tutti i servizi per l’internazionalizzazione, i quali devono essere forniti da una cosiddetta “Società di TEM” (Temporary Export Manager) regolarmente iscritta presso il Ministero dello Sviluppo Economico.

Per configurarsi come”Società di TEM” è necessario che l’azienda in questione abbia un’esperienza almeno triennale in progetti simili, documentata da almeno 8 contratti, di cui almeno 1 antecedente al 1° agosto 2017. Tali servizi devono essere contrattualizzati e resi dopo la presentazione della domanda ed entro la data di riferimento prevista per la specifica finestra.

Tali servizi devono essere contrattualizzati e pagati dopo la presentazione della domanda, ma non oltre la data determinata dalla Finestra di riferimento.

Voucher internazionalizzazione: chi è il Temporary Export Manager?

Una società di temporary export management mette a tua disposizione la figura del Temporary Export Manager, un professionista altamente specializzato nel campo dell’internazionalizzazione delle imprese, che è in grado di analizzare la tua situazione aziendale e di formulare la corretta strategia di export.

Ti permette di avviare un processo di internazionalizzazione minimizzando i rischi di questa operazione.

In relazione ai alla tipologia di Intervento B – Servizi TEM sono ammissibili le spese per prestazioni di servizi a supporto dell’internazionalizzazione (a corpo o a giornata/ora) forniti nell’ambito del progetto, quali a titolo esemplificativo e non esaustivo:

  • acquisizione di competenze di management, tecniche, tecnologiche, tra le quali il Program Manager (Gestione del percorso di internazionalizzazione), l’Innovation Manager (accompagnamento all’innovazione e trasformazione digitale, di prodotto e dei modelli di business aziendali), l’Export Manager (Analisi dei Paesi target, analisi di mercato, adeguamento prodotti);
  • analisi e ricerche di mercato;
  • affiancamento nell’individuazione di potenziali partner industriali e/o commerciali e nell’identificazione/acquisizione di nuovi clienti;
  • assistenza legale, organizzativa, contrattuale e fiscale;
  • supporto specialistico per la realizzazione di incontri B2B;
  • supporto specialistico per l’adeguamento del sito e del materiale promozionale, per il web marketing per il commercio on-line e per l’adesione a piattaforme di e-commerce.

Per presentare il tuo Progetto ai fini della richiesta del contributo “Voucher internazionalizzazione”, dovrai compilare un formulario da compilarsi esclusivamente tramite la piattaforma digitale GeCoWEB accessibile dal sito di Lazio Innova o direttamente tramite il link https://gecoweb.lazioinnova.it.

Dovrai specificare il punteggio totale e la percentuale di contributo richiesto. Hai tempo fino alle ore 12.00 del 31 ottobre 2019.

Compilando il Formulario si autogenererà un file GeCoWEB contenente la Domanda e il Formulario, che deve essere inviato a mezzo PEC all’indirizzo  incentivi@pec.lazioinnova.it. Il file deve altresì contenere la Firma Digitale del Legale rappresentante del richiedente. Avete tempo fino alle ore 18.00 del 31 ottobre 2019.

Stai cercando un “Società di TEM”?

Contattaci per avere maggiori informazioni, ti aiuteremo nella compilazione della domanda e valuteremo insieme quali sono le tue Opportunità.

Richiedi informazioni ora!