Perché vendere su Instagram?

Il mondo dell’e-commerce è una realtà che fa da sfondo alla maggior parte delle scelte di acquisto dei consumatori. Oggi giorno milioni di utenti ricercano, valutano, confrontano prezzi, prodotti, servizi presenti in rete prima di prendere una decisione. Tra i canali più utilizzati troviamo Google, Amazon, Ebay ma nello scenario ora sono stati introdotti anche i social come canali di acquisto, in particolare Facebook e Instagram. Se Facebook oramai si trova in una fase avanzata per quanto riguarda le vendite online (Facebook Marketplace), sempre più Instagram si sta approcciando ora a questo nuovo scenario con lo shopping online. Molte aziende o attività infatti hanno voglia di espandere il proprio business su questo social, ma la domanda che più viene fatta è: come vendere su Instagram? o chi già conosce un pò più il settore si chiede: cos’è Instagram shopping?

Andiamo a vedere nel dettaglio di cosa si tratta e come si può vendere con Instagram.

Cos’è Instagram shopping?

Instagram Shopping è lo strumento che aiuta il piccolo commerciante (ma anche la grande azienda) a vendere tramite Instagram. Arrivato da poco più di un anno in Italia, sta diventando una funzionalità indispensabile per chi ha un e-commerce, si intende l’opportunità di creare una vetrina gratuita con l’opportunità di incrementare le vendite dei propri prodotti. Chi è proprietario di una pagina può vendere i propri prodotti, pur rispettando le normative per le vendite online: attraverso un tag è possibile “etichettare” il prodotto e conoscerne nome dell’articolo o prezzo: se si desiderano più informazioni, premendo direttamente sull’articolo si aprirà una nuova schermata con il tasto Acquista, grazie alla quale si viene reindirizzati direttamente sul sito aziendale per ultimare l’azione. Questo è un metodo facile, veloce ed intuitivo.

vendere su instagram

Instagram shopping, per esempio, è diventato per le aziende un ulteriore opportunità di visibilità del proprio brand. Attraverso l’area apposita Shopping, l’utente può accedere a molteplici cataloghi. Ma come fare per vendere? Per prima cosa bisogna essere in possesso di un account business. Sai già come crearlo? Se non lo sai, continua a leggere altrimenti salta questo trafiletto.

Come creare un account business su Instagram?

Per iniziare a vendere prodotti su Instagram c’è bisogno di aprire un account business (che è il tipo di account riservato alle aziende), il quale necessita a sua volta di una pagina Facebook d’appoggio: è indispensabile averne una perché dovrai avere una vetrina attiva sulla pagina e perché la utilizzerai per realizzare le tue campagne pubblicitarie.

L’account business si differenzia da quelli standard per molteplici funzioni come:

  • insight: scoprire di più sui propri follower, orari di interazione, target o prestazioni dei propri post;
  • creare promozioni e aggiungere informazioni ad hoc sulla propria attività (come il numero di telefono, email e luogo) e altro ancora.

I passaggi per creare un profilo aziendale sono i seguenti:

  1. Accedi al tuo profilo personale (diamo per scontato che tu ne abbia già creato uno)
  2. Vai a impostazioni
  3. Clicca su “account” e successivamente su “Passa a un account aziendale
  4. Collega Instagram a Facebook
  5. Crea un catalogo con i tuoi prodotti
  6. Fai richiesta di approvazione per Instagram Shopping
  7. Associa i tag dei prodotti ai post che pubblichi

Ricorda che prima di aprire il tuo shop per iniziare a vendere vestiti su Instagram, ad esempio, devi verificare di possedere i requisiti per vendere su Instagram: influencer marketing la tua azienda deve trovarsi in un mercato supportato. Attualmente lo Shopping su Instagram è possibile soltanto in alcuni Paesi, qui trovi l’elenco completo.

Quali sono gli altri strumenti della piattaforma per vendere?

Gli altri strumenti che potresti sfruttare per vendere su Instagram sono:

  1. Stories: video di 15 secondi paragonabili a piccoli spot pubblicitari che durano 24 ore e visibili a chi ricerca il tuo profilo. E’ anche possibile rintracciare la tua stories se all’interno inserisci degli hashtag, geolocalizzazioni o menzioni. Se possiedi più di 10.000 follower, potrai usufruire dello swip-up: si tratta di una CTA (call-to-action) per scorrimento, che può reindirizzare la tua audience ad una pagina o un sito che hai scelto (ex. il tuo sito internet).
  2. Link sul profilo: la prima cosa che vede l’utente appena atterra sul tuo profilo è la biografia. Per questo motivo è importante creare una breve e accattivante descrizione della tua attività/brand/azienda e completare la bio con l’inserimento di un link oltre che indirizzo e numero di telefono.
  3. influencer marketing: persone perlopiù famose o che hanno un alta percentuale di follower attivi sul proprio profilo, che guadagnano pubblicizzando tramite Instagram, proponendo alla propria community contenuti in collaborazione con aziende.

Si può vendere su Instagram senza partita iva o vendere su Instagram senza sito?

Se il tuo obiettivo è quello di vendere beni online in maniera regolare e abituale (e dunque non in modo occasionale) devi assumere in considerazione l’idea di rispettare tutte le prescrizioni attualmente previste dalla legge, come l‘iscrizione al Registro delle Imprese, l‘iscrizione all’INPS e il “temuto” versamento dei contributi IVS commercianti. Se hai bisogno di aiuto, clicca il seguente link.

Come hai potuto vedere, vendere su Instagram sembra facile ma ha bisogno di tanti passaggi. Per maggiore supporto su come effettuare l’iscrizione al Registro delle imprese o per capire meglio come vendere su Instagram in base ad obiettivi e strategie di marketing online, contattaci!

Contattaci per una Consulenza Gratuita