I Social Network fanno parte della quotidianità della popolazione mondiale: secondo un’analisi svolta lo scorso Gennaio da We Are Social e Hootsuite, su oltre 7.69 miliardi di abitanti della Terra ben 3 miliardi e 484 mila persone, più della metà della popolazione mondiale per intenderci, sono utenti social abituali e quasi la totalità accede da mobile. Sei curioso di sapere quali sono i social network più usati 2019 nel Mondo?

Vediamo se e come è la situazione è cambiata rispetto alla diffusione dei social media nel 2018.

Facebook: the unstable king

Sebbene il 2018 sia stato un anno per lui difficile, questo non è bastato a togliergli il primato.

Infatti, se però da un lato, il numero di utenti di Facebook cresce in tutto il mondo (se ne sono aggiunti 18 milioni dai 55 anni in su solo nell’ultimo trimestre del 2019), dall’altro continua a perdere appeal fra i giovanissimi, con ben 10 milioni di utenti dai 13 ai 17 anni che preferiscono utilizzare altre piattaforme social.

L’INDIA è il primo mercato di Facebook per pubblico pubblicitario (300 milioni di utenti attivi), basti pensare che la piattaforma ha aggiunto 50 milioni di utenti solo l’anno scorso; seguono a ruota le FILIPPINE.

Ma cos’è che rende instabile il re dei social? Il calo dell’engagement. Infatti il numero medio di post “piaciuti” è diminuito del 10% in 6 mesi. Forse ancora più preoccupante per Facebook, anche il numero di volte che la gente clicca sugli annunci su Facebook è in calo. La mediana globale si attesta ancora a 8 annunci cliccati al mese.

Una sorpresa in realtà scontata: i dati ci dicono che gli utenti non navigano su Facebook per vedere gli annunci pubblicitari ma per trascorrere il tempo a disposizione rimanendo in contatto con amici e familiari.

E’ lecito chiedersi: Facebook è ancora un social network per fare business?

Su Facebook ci sono più di 80 milioni di piccole e medie imprese con pagine e relativi post; per i piccoli brand sta diventando sempre più difficile distinguersi proprio perché come abbiamo detto, la quantità di tempo e le persone che lo trascorrono sulla piattaforma, sta diminuendo.

Se si vuole avere successo con il marketing di Facebook è necessario dare valore alle persone, intrattenerle e pensare meno alla propaganda del brand.

Instagram: da Cenerentola a Principessa

Con il suo miliardo di utenti oggi Instagram si classifica al secondo posto fra i social media più usati in 44 Paesi: potrebbe rivelarsi la scelta migliore per i brand quest’anno.

Instagram sta diventando sempre più popolare non solo perché stanno crescendo gli utenti, ma perché il loro profilo è EQUILIBRATO. Infatti, a livello globale gli “Instagrammer” sono divisi 50:50 tra uomini e donne, di età media più giovane rispetto a quella di Facebook (18-34 anni).

Inoltre, grazie agli sforzi di visibilità attuati da “papà Facebook”, Instagram ha guadagnato pubblico in RUSSIA e in alcuni paesi dell’EUROPA ORIENTALE e dell’ASIA CENTRALE.

Il pubblico pubblicitario di Instagram ha ormai superato quello di Facebook in 20 paesi in tutto il mondo, e ci aspettiamo che questo numero aumenti nel corso del 2019, quando la popolarità di Instagram viene alla ribalta.

Vorresti dirmi che tra tutti gli utenti non ci sei anche tu? Instagram è ormai la videocamera sul mondo: viaggi, outfit all’ultimo grido, ricette gourmet, una sfida all’ultima Instagram Story. Le Stories più visualizzate sono quelle delle aziende, come riportano i dati interni di Instagram: se hai un business e vuoi crescere, non puoi non sfruttare gli ads nelle stories.

Hai bisogno di una Consulenza social per far decollare il tuo business su Instagram?

Contattaci ora

Attenti a LinkedIn

È il social professionale preferito al mondo e ha ottenuto ottimi risultati nell’ultimo anno: ha visto crescere del 3% il proprio target pubblicitario. Si tratta di utenti REGISTRATI non di utenti attivi mensilmente, ma ciò nonostante con le inserzioni di LinkedIn Ads è possibile raggiungere 600 milioni di utenti in tutto il mondo.

Interessante se hai un’azienda che mira a ottenere lead qualificati o a entrare in contatto con i aziende partner no credi?

La crescita maggiore degli ultimi mesi si è verificata in MYANMAR (+80mila nuovi utenti) e in molte parti dell’AFRICA in via di sviluppo.

Gli ultimi dati pubblicitari dell’azienda mostrano che gli utenti sono cresciuti del 14% in Giappone nell’ultimo trimestre, e del 13% sia in Corea del Sud che a Singapore.

Zoomiamo sull’Italia: quali sono i social più utilizzati?

Analizzare trend e abitudini social del nostro Paese, e capire in che direzione ci stiamo muovendo nel consumo online di intrattenimento e informazione.

Rispetto al 2018 si sono aggiunti 11 milioni di nuovi utenti online, per un totale di 54.8 milioni di persone che accedono a Internet.

La popolazione italiana è di 59.25 milioni di abitanti…Quindi, facendo un rapido calcolo, circa il 92.5% della popolazione è connessa. O nove persone su dieci, se rende meglio l’idea. 

Di pari passo, aumenta anche l’utilizzo dei social network con ben 35 milioni gli Italiani che utilizzano i social media, 1 milione in più rispetto al 2017; di questi, ben 31 milioni (ossia l’88.5%), accedono ai social da mobile. 

Per quanto riguarda il tempo trascorso sui socialè in media di quasi due ore (1 ora e 51 minuti, per l’esattezza), abbastanza in linea anche con il resto d’Europa.

“Solo” l’11% degli utenti utilizza invece i social per scopi lavorativi. 

Youtube con l’87% è il social più utilizzato dagli utenti in fascia 16-34 anni, seguita da Facebook con l’81% e Instagram con il 55%.

LinkedIn si piazza invece al 7° posto con il 29%, un buon risultato che ne segnala la rapida ascesa; sta infatti prendendo piede in Italia non solo come piattaforma per cercare e offrire lavoro ma anche come strumento di marketing e comunicazione B2B. Insomma, altro che crisi dei social.

Africa social network: quali i fenomeni più interessanti?

Il 2019 ha visto un susseguirsi di interruzioni della rete Internet in tutta l’Africa. Una decisione presa dai governi in quanto Internet con i social media è la piattaforma con cui i cittadini possono esprimersi liberamente e monitorare eventuali abusi di potere e pratiche scorrette. Ma qual è stata la reazione dei cittadini?

In Uganda 2.5 milioni di persone hanno abbandonato i social media in segno di protesta contro un prelievo imposto dal governo (per aumentare le casse e frenare la diffusione dei pettegolezzi) a 60 piattaforme online tra cui Twitter e Whatsapp.

I social più utilizzati nell’ultimo anno risultano essere Facebook (72.43%) e Youtube (16.32%), mentre Instagram ha solo lo 0.73%.

Niente resta com’è, ci sarà sempre un’evoluzione o un’involuzione del rapporto di noi utenti con i social network.

Continua a seguirci per essere sempre aggiornato sulle ultime novità!