Tra i social network, LinkedIn è, probabilmente, quello che offre maggiori potenzialità di crescita e sviluppo di business, sia tra aziende (B2B) che tra azienda e i professionisti.
Ma come creare da zero una Pagina aziendale LinkedIn? Scopriamolo insieme.

Perché un’azienda dovrebbe stare su LinkedIn?

LinkedIn è un social professionale di ormai 414 mln di persone che cresce al ritmo di 2 nuove persone ogni secondo. È diffuso in 200 paesi e si parlano almeno 24 lingue.

Occorre però constatare come LinkedIn nel corso degli anni si sia evoluto. Se all’inizio era considerato un social network di contatto, più utile ai lavoratori che alle imprese, oggi ricopre un ruolo di cruciale importanza anche nel mondo aziendale. Avere una pagina aziendale LinkedIn è un must have sia per le grandi multinazionali che reclutano personale che per le piccole e medio imprese che possono considerarla come un biglietto da visita per pubblicizzare il brand, per aumentare la visibilità e naturalmente per reclutare personale.

La pagina Aziendale LinkedIn, per come è strutturata e soprattutto strutturabile, può diventare, se ben organizzata un vero e proprio mini sito. Con il profilo privato hanno ben poco in comune  (motivo per cui non cadere nell’errore di aprire un profilo privato al posto della pagina aziendale). Si potrebbero definire un “avamposto” dal quale:

  1. comunicare,
  2. presentare i servizi/prodotti,
  3. reclutare persone,
  4. raccogliere followers
  5. e infine fare lead generation tramite campagne marketing utilizzando gli Ads di Linkedin, opportunità ad esclusiva delle pagine aziendali.

Eccoti pertanto alcuni consigli utili su come creare da zero una pagina LinkedIn aziendale e su come gestirla al meglio.

Come aprire una pagina aziendale LinkedIn ex novo

Dando per scontato che ora tu sia in possesso di tutti i requisiti richiesti per l’apertura di una pagina LinkedIn, il primo passaggio della guida di apertura della pagina aziendale su LinkedIn consiste nel puntare il cursore sulla voce “Work“, posizionata in alto.

1. Apri il menù a tendina. In basso, visualizzerai la dicitura “Crea una pagina aziendale”.

2. Digita il nome dell’impresa e seleziona l’URL, seguendo lo schema www.linkedin.com/company/ + “nome dell’azienda”.

3. Infine, completa le informazioni della pagina aziendale, confermando l’email che ti viene inviata automaticamente. Affinché la pagina aziendale Linkedin sia strutturata alla perfezione, un’immagine raffigurante il logo aziendale per la foto del profilo è la prima cosa da porre in essere.

Graficamente, rispetto al profilo personale hai la possibilità di mostrare maggiormente l’identità aziendale. LinkedIn infatti permette di inserire una cosidetta immagine “copertina” e, udite udite, diversa per ogni servizio o prodotto che vorrai inserire. Sulla base delle linee guida della piattaforma, consigliamo di caricare un’immagine di qualità elevata con la minore quantità di testo possibile per garantire una visualizzazione ottimale su tutti i dispositivi e tutte le dimensioni dello schermo. Poi è la volta della descrizione del core business: in questo campo, dove hai a disposizione un numero di caratteri compreso tra i 250 e i 2.000, devi cercare di essere quanto più preciso, sintetico e descrittivo possibile. Solo in questo modo, i contenuti creati avranno un impatto rilevante sui lettori.

5. Campi da completare obbligatoriamente sono quelli relativi alla categoria merceologica in cui l’impresa è attiva sul mercato e l’indirizzo della homepage del sito internet.

Attenzione alla scelta delle keyword!

Le parole chiave nel testo descrittivo del business aziendale non vanno mai lasciate al caso. Il testo è preferibile che sia ottimizzato SEO sui principali motori di ricerca, a partire naturalmente da Google. Prima di mettere giù quel determinato testo, poniti la domanda:  “Quali parole potrebbe utilizzare chi è dall’altro lato del monitor o chi utilizza smartphone e tablet, per effettuare l’accesso alla pagina LinkedIn della mia azienda?“. Come puoi facilmente intuire, le parole attinenti al settore di riferimento ricoprono un ruolo importante. Questo a maggior ragione sul motore di ricerca interno di LinkedIn.

Come gestire al meglio la pagina aziendale LinkedIn?

Descritti tutti i passaggi della guida relativa alla creazione di una pagina aziendale LinkedIn, è ora di passare dalla teoria ai fatti, che è quello che più ci interessa, la nostra strategia può essere quindi riassunta in 4 punti che ci serviranno per fissare e perseguire i nostri obbiettivi.

1. Crea un piano dei contenuti equilibrato

Una volta creata una pagina aziendale LinkedIn, lasciarla così com’è senza effettuare aggiornamenti, è un errore grossolano. Non è un bel biglietto di visita, perché la pagina non apparirà presidiata. LinkedIn invece serve ad aumentare la visibilità del brand della tua azienda, a far conoscere le novità di prodotto, a portare traffico sul sito web e a interagire con i follower.

Per questo motivo, pubblicare gli aggiornamenti aziendali oppure linkare tutte le news, le iniziative dell’impresa e perché no, integrare al meglio la pagina aziendale LinkedIn con i canale Youtube dell’impresa può essere mossa valida in termini di marketing, al fine di aumentare il coinvolgimento dei contatti iscritti.

I contatti iscritti alla pagina LinkedIn inizieranno ad interessarsi a tutto ciò che rientra nella categoria delle news e delle iniziative della tua impresa.

Non sai che contenuti creare o quali possano essere adatti ad una piattaforma come LinkedIn? Contattaci per saperne di più.

Sarà inoltre possibile, anzi consigliabile, creare una o più pagine vetrina o Showcase, ognuna dedicata esclusivamente ad una tipologia ben precisa di prodotti o servizi che offri, potrai così creare campagne pubblicitarie, promozioni ed offerte speciali per un specifico prodotto, in un determinato periodo o per una particolare zona geografica.

2. Aumenta i tuoi follower

I follower rappresentano i membri di LinkedIn che hanno deciso di tenersi aggiornati sulla tua azienda, leggendo i futuri post nella loro homepage.
Su LinkedIn non è facile aumentare i follower, la crescita è abitualmente lenta, ma considera queste 3 leve.

  1. post di qualità sono la principale fonte di nuovi follower, grazie alle interazione dei lettori che consigliano, commentano o condividono
  2. La promozione diretta su tutti i canali aziendali, come mailing list, sito internet e altri social
  3. La sponsorizzazione dei contenuti, ovvero campagne di advertising su LinkedIn: ebbene sì, se vuoi far crescere la pagina, l’audience e le interazioni, anche su LinkedIn devi considerare di mettere del budget per sponsorizzare gli aggiornamenti, che significa farli apparire nel newsfeed anche dei non follower che sono in target rispetto alle impostazioni della campagna specifica.

3. Coinvolgi i dipendenti dell’impresa

Affinché una pagina LinkedIn aziendale abbia successo è bene che ognuno faccia il proprio ruolo, condividendo il link della pagina aziendale sul profilo personale Linkedin. Poi, ogni singola news, ogni singola iniziativa andrà sempre “consigliata” e condivisa.

Se è vero che il profilo LinkedIn di un membro del team è suo personale è anche vero che per certi versi fa parte di un’organizzazione più grande e che quello che comunichi sul proprio profilo, la reputazione di cui gode all’interno del social etc. hanno un effetto diretto sula reputazione aziendale.

La pagina aziendale Linkedin, specie se ben fatta, funziona proprio come una landing page, in grado di apportare traffico al sito internet. Di conseguenza, è necessario crearla a regola d’arte e gestirla al meglio. Contattarci per una consulenza!