Vuoi ricevere contributi a fondo perduto per crescere la tua impresa?

Scopri tutti i dettagli relativi al bando internazionalizzazione messo a disposizione delle imprese della Regione Lazio che desiderano aprire il proprio business ai mercati esteri.

Scopriamo insieme come partecipare al bando, l’ammontare del voucher internazionalizzazione e quali sono i progetti finanziabili.

Voucher Internazionalizzazione: come partecipare al bando 2020

L’internazionalizzazione d’impresa è oggi un elemento portante per le strategie aziendali sia per il mantenimento e la conquista di nuovi ambiti di mercato, sia per la sopravvivenza delle imprese che operano in ambiti con elevati costi di produzione.

Ma cosa significa “internazionalizzare” un’impresa?

In parole semplice vuol dire che l’impresa inizia ad espandere il proprio mercato all’estero: o perché vende/acquista all’estero, o produce/trova le sue fonti di finanziamento all’estero. Quindi diventa internazionale.

Per favorire questo processo di internazionalizzazione aziendale la Regione Lazio ha dato il via al POR FESR Lazio 2014 – 2020 – Azione 3.4.1  per  finanziare progetti d’internazionalizzazione d’impresa.

Si tratta di un intervento regionale diretto volto ad agevolare e sostenere la competitività delle imprese laziali nel mondo.

Obiettivi da realizzare

L’obiettivo del bando è quello di creare nuove opportunità, accrescere la presenza delle imprese del Lazio in nuovi mercati, promuovere cooperazione, networking internazionale.

Da qui il supporto a progetti d’internazionalizzazione proposti dalle imprese, in forma singola o aggregata, sulla base delle proprie strategie e degli obiettivi di ampliamento dei mercati di riferimento, attraverso contributi alle spese per servizi e/o investimenti in quest’ambito.

Internazionalizzazione imprese: Chi sono i beneficiari?

I destinatari del bando per internazionalizzazione sono tutte le micro, piccole e medie imprese, inclusi i Liberi Professionisti, titolari di partita IVA, in forma singola o aggregata.

I beneficiari del bando devono svolgere la loro attività imprenditoriale in una sede operativa situata nella regione Lazio.

Si tratta di un’ottima opportunità per le imprese laziali per rilanciarsi soprattutto nel post emergenza Covid-19, trasformando una crisi determinata da un’evento inatteso in una vera e propria possibilità di ampliare il proprio business.

Finanziamenti internazionalizzazione: i progetti ammissibili

A questo punto ti starai chiedendo quali siano i progetti che verranno presi in considerazione?

Sono agevolabili Progetti (PIE) di internazionalizzazione e di promozione dell’export delle MPMI finalizzati all’apertura e al consolidamento nei mercati esteri, che risultino coerenti con la programmazione regionale e prevedano la realizzazione di una o più Tipologie di Intervento fra quelle di seguito elencate:

A) Cooperazione industriale, commerciale e di export in mercati esteri ritenuti prioritari per la ricerca di collaborazioni industriali, commerciali e di esportazione di prodotti e di servizi regionali:

Fra questi la Regione indica:

  • A1 La partecipazione a fiere, saloni  e eventi commerciali internazionali;
  • A2 La progettazione e realizzazione di eventi promozionali volti alla valorizzazione di filiere e reti di imprese; realizzazione temporanea all’estero, per un periodo massimo di 12 mesi, di showroom e di centri espositivi;
  • A3 Azioni di comunicazione e marketing finalizzati a promuovere i primi due punti, ovvero la partecipazione a eventi internazionali;

B) Acquisizione di servizi specialistici per l’internazionalizzazione:

  • B1 Consulenza strategica per l’elaborazione di un Piano di penetrazione commerciale in un determinato Paese e settore;
  • B.2 Consulenza strumentale al progetto di internazionalizzazione;
    B.3 Spese relative al Temporary Export Manager e consulenze specialistiche ad integrazione di funzioni aziendali e funzionali al progetto di internazionalizzazione (incluso il costo per il supporto nella rendicontazione sostenuti nei confronti di un soggetto iscritto all’albo dei revisori legali al Ministero dell’economia e delle finanze).

Chi è Temporary Export Manager?

il Il Temporary Export Manager èun professionista altamente specializzato nel campo dell’internazionalizzazione delle imprese, che è in grado di analizzare la tua situazione aziendale e di formulare la corretta strategia di export.

Ti permette di avviare un processo di internazionalizzazione minimizzando i rischi di questa operazione.

un professionista altamente specializzato nel campo dell’internazionalizzazione delle imprese, che è in grado di analizzare la tua situazione aziendale e di formulare la corretta strategia di export.

Ti permette di avviare un processo di internazionalizzazione minimizzando i rischi di questa operazione.

C) Attività volte a migliorare, anche ai fini dell’esportazione, la qualità della struttura e del sistema produttivo e acquisire certificazioni attinenti alla qualità e alla tipicità dei prodotti e ai sistemi ambientali:

  • C.1 Investimenti materiali e immateriali finalizzati al progetto di espansione su nuovi mercati;
  • C.2 Investimenti materiali e immateriali, per diversificare la produzione di uno stabilimento mediante prodotti nuovi aggiuntivi o trasformare radicalmente il processo produttivo complessivo di uno stabilimento esistente, in funzione delle attività di internazionalizzazione previste dal Piano di Investimenti per l’Export.

Contributi a fondo perduto: Importo Agevolazione

L’aiuto è concesso in regime De Minimis, sotto forma di contributo a fondo perduto nella misura del 50% dell’importo complessivo del progetto ammesso.

L’importo massimo dell’aiuto concedibile è pari a € 200.000,00, mentre il minimo è pari a 5.000.

Contributi a fondo perduto PMI: posticipati termini per bandi internazionalizzazione

A seguito dell’emergenza sanitaria legata al diffondersi del Covid-19 e del conseguente annullamento o spostamento di molti eventi fieristici internazionali, la Regione Lazio ha posticipato le date del bandi per favorire l’internazionalizzazione delle imprese del territorio, originariamente previsto per il 25 giugno.

Le richieste di contributo devono essere presentate esclusivamente via PEC, dalle ore 12:00 del 15 aprile 2020 e fino alle ore 18:00 del 24 luglio 2020 successivamente alla finalizzazione del Formulario GeCoWEB, utilizzando la modulistica in parte prodotta automaticamente da GeCoWEB stesso dalle ore 12:00 del 18 febbraio 2020 e fino alle ore 12:00 del 24 luglio 2020.

Per l’accesso al sistema GeCoWEB è necessaria la preventiva registrazione al portale www.impresainungiorno.gov.it e relativa autenticazione per l’accesso ai servizi on-line ivi forniti.

Modalità di erogazione

Il contributo sarà erogato secondo le modalità di seguito indicate:

  • una prima quota facoltativa a titolo di anticipo, nella misura minima del 20% e massima del 40%, presentando entro 60 giorni dalla sottoscrizione dell’Atto di Impegno la relativa Fideiussione;
  • a saldo, a fronte della rendicontazione delle Spese Effettivamente Sostenute mediante il sistema GeCoWEB in conformità alle indicazioni contenute nelle “linee guida per la rendicontazione” disponibili nella pagina dedicata all’Avviso del sito lazioinnova.it.

Bando Intenazionalizzazione: scegli 6 Visibile per far decollare la tua azienda all’estero

Noi della 6 Visibile ci impegniamo costantemente per offrirti le migliori soluzioni di crescita per la tua Azienda.

In particolare supportiamo la tua Impresa per partecipare ai Bandi Digitalizzazione, Grazie alle nostre Partnership con diversi Enti Pubblici e Privati, dando la possibilità a diverse aziende di sfruttare le potenzialità del Digital Marketing sia in un’ottica nazionale che internazionale.

Contattaci per avere maggiori informazioni, ti aiuteremo nella compilazione della domanda e valuteremo insieme quali sono le tue Opportunità per attuare le migliori strategie di internazionalizzazione.

Richiedi informazioni ora!