Oggi parliamo dell’utilizzo dei colori nel marketing. Alcuni ritengono che un’azienda debba fare marketing solo per aumentare le proprie vendite e quindi sopravvivere alla concorrenza.

Questo è sicuramente vero, ma se non si mettono in atto operazioni come la scelta dei colori giusti per la propria strategia di comunicazione, si corre il rischio di non riuscire a persuadere il pubblico ed instaurare un rapporto di stima reciproca.

Scopriamo insieme questo mondo a colori!

Colori marketing: le teorie più interessanti

Come scegliere la giusta tonalità per il proprio business? Ci si può aiutare con gli studi di marketing sull’argomento.

Se provassi a cercare su Google “studio dei colori”, ti comparirebbe un’infinità di link che rimandano a numerose teorie in merito. Abbiamo pensato di raccogliere per te quelle che secondo noi sono più interessanti:

  • La ricerca “Impact of color in marketing” la quale sostiene che il 90% dei giudizi immediati dei consumatori sui prodotti si basi sui loro colori; l’uso prudente dei colori infatti può contribuire non solo alla differenziazione dei prodotti dai concorrenti, ma anche ad influenzare gli stati d’animo e gli atteggiamenti verso determinati prodotti, positivamente o negativamente.

  • Per quanto riguarda il ruolo che il colore gioca nel branding, i risultati di studi come “Gli effetti interattivi di colori“, dimostrano che il colore ha un impatto significativo quando viene associato ad un determinato brand.

  • Altre ricerche come quelle condotte dallo psicologo E.R. Jaensch dimostrano che la preferenza per i colori cambia in base all’età, al clima (lo sapevi che le persone che vivono in zone dal clima tropicale caratterizzate da temperature più alte tendono a preferire colori vivi e caldi, come il rosso o il giallo, mentre quelle che abitano in paesi più freddi preferiscono colori freddi come il blu?) e anche in base al genere. Le donne prediligono il blu, il viola e il verde; non gradiscono invece l’arancione, il marrone e il grigio. Gli uomini invece amano il nero anziché il viola che è tra i colori meno gettonati.

Tienilo a mente quando dovrai pensare al sito aziendale perfetto per il tuo target.

Contattaci per realizzare il tuo sito web

Lo studio dei colori nella brand identity

Che tu sia titolare di una PMI o un piccolo imprenditore, è fondamentale che tu abbia un logo originale e che esso sia in grado di esprimere visivamente e cromaticamente l’universo valoriale ed emozionale del tuo brand.

Secondo una ricerca dell’università del Loyola il colore aumenta la riconoscibilità del brand del 80%; quindi questo significa che devi realizzare un logo memorabile e fare in modo che quando i consumatori pensano ad un prodotto, pensino anche ai colori del tuo brand.

I colori rappresentano il mezzo ideale per dare più “appeal” alle cose. Che si tratti di un logo o di un prodotto reale, essi contribuiscono a rendere il tutto più vivace ed attraente.

Pensa al logo di Nike che evoca il brand sportivo ed i suoi valori, o quello di Chanel che con il nero evoca eleganza e raffinatezza.

Web design: come applicare la psicologia dei colori nel modo più corretto

E’ importante che la comunicazione e i valori di cui parli con il tuo brand, trovino riscontro anche sul tuo sito web, affinchè esso esprima a colori la tua vision.

La prima impressione che l’utente si fa di un sito web dipende da fattori come la struttura, il layout, il font, i colori e gli accostamenti cromatici utilizzati sulla pagina.

È fondamentale che tu scelga i colori giusti perché come abbiamo detto, essi possono influenzare le emozioni degli utenti. La scelta dipende da quanto il significato attribuito ad ogni colore sia coerente con il messaggio e i valori che tu vuoi comunicare.

Tutto questo è studiato dalla psicologia dei colori nel web design. La psicologia dei colori è una disciplina fondamentale per il tuo business. Lo sapevi che i colori influenzano le scelte dei consumatori? Ti sei mai chiesto il perché?

Te lo spieghiamo noi. Esiste una stretta relazione tra persone, colori ed emozioni: infatti, la nostra mente collega ad alcuni colori sensazioni, sentimenti e specifiche esperienze.

Questo è vero nel retail tradizionale ma lo è ancor di più in quello online; i colori sono fondamentali in quanto l’elemento tattile e olfattivo viene a mancare.

Per raggiungere un tasso di conversione ottimale non è sufficiente che il sito sia ben strutturato e user friendly, ma come abbiamo visto, le scelte cromatiche giocano un ruolo essenziale.

Ecco qualche indicazione:

  • Generalmente, i colori neutri come il nero, il bianco e il beige sono utilizzati come sfondo, mentre i colori più vivaci sono utilizzati per gli elementi in primo piano. I colori neutri indicano equilibrio e sono adatti a business quali: abbigliamento, tecnologia, automobili, lusso. È il caso di brand come Apple, Nike e Chanel.

  • I colori caldi come il rosso, il giallo e l’arancione hanno un carattere forte e possono essere utilizzati per attirare l’attenzione dell’utente su elementi specifici. Tuttavia, se usati troppo spesso su una singola pagina, perdono la loro connotazione positiva e possono addirittura evocare sentimenti negativi, di aggressività e costrizione.

    Il rosso è adatto a business del settore alimentare, automobilistico o di vendita in saldo. Viene anche utilizzato per quei marchi che hanno come target di riferimento un pubblico giovane e “frizzante”. E’ tipico di brand come MC Donald’s e Coca-Cola.

    Il giallo è usato da quei brand che vogliono trasmettere un’immagine positiva della loro attività. E’ adatto per business quali: energia, alimentare, promozioni, commercio online e svago. E’ tipico di brand come Nikon e DHL.

  • Un capitolo a parte merita il significato del colore arancione. Esso comunica energia, equilibrio, amicizia, coraggio, ambizione e comprensione. Può essere usato quando si vuole comunicare amichevolmente con il target e si vuole trasmettere un messaggio di ottimismo. È ottimo se il tuo target è rappresentato da adolescenti. È un colore aggressivo, ideale per le call to action e per invitare all’acquisto.

    È adatto per business quali: fast-food, salute, esortazione all’acquisto. E’ tipico di brand come Fanta, Amazon e Harley Davidson.

  • Consciamente o inconsciamente, tutti gli utenti sono influenzati dai colori utilizzati su una pagina web e spesso agiscono in base alle associazioni inconsce che essi suscitano. Per questo, cambiare il colore del pulsante di una call-to-action può determinare un significativo miglioramento del tasso di conversione. Non è un caso che i colori caldi abbiano quello migliore.

  • I colori più scuri come nero, grigio e marrone hanno invece tassi di conversione molto bassi e non sono adatti per buttons e call-to-actions.

  • I colori freddi come blu, verde e verde scuro evocano tranquillità, sicurezza, ricchezza e infatti sono tipici del settore bancario, finanziario, viaggi, tecnologia e immobiliare.

Colori e marketing: una comunicazione dei tuoi prodotti e del tuo brand che si serve del giusto colore per il tuo business, farà notare la tua azienda, facendola emergere così da attirare l’attenzione del tuo potenziale cliente.

Hai colto l’importanza che hanno i colori nel marketing? In base a quello che ti abbiamo illustrato credi di aver fatto la scelta giusta per il tuo business?

Ricorda che scegliere i colori giusti è un passo fondamentale se vuoi progettare un sito web professionale.

Contattaci per una consulenza di web design!