Con l’arrivo dell’Emergenza Coronavirus in Italia tantissime attività commerciali si sono a dover ripensare il proprio modello di business e a dover capire come evitare di farsi travolgere da una situazione di pandemia mai vista nel nostro Paese.

Un valido aiuto in tal senso arriva sicuramente delle ultime tecnologie ed, in particolare, dai Social Media i quali possono rivelarsi degli strumenti utilissimi per la tua attività, piccola o grande che sia, soprattutto se quest’ultima è stata costretta a chiudere in seguito ai decreti emanati dal Presidente del Consiglio per far fronte all’emergenza sanitaria.

Ecco quindi 4 consigli utili per adattare la tua Comunicazione Social all’emergenza Coronavirus.

1. Non ironizzare sulla situazione

Il Coronavirus è una cosa seria: ci viene ripetuto ogni giorno su qualsiasi mezzo di comunicazione.

Quindi dopo l’ironia iniziale, adesso c’è veramente poco da scherzare: non dimenticare che a causa di questa emergenza c’è gente che ha perso i propri cari, la maggior parte delle aziende sono state costrette a chiudere o, nel peggiore dei casi, a licenziare i propri dipendenti.

Quindi voler fare il “simpaticone” a tutti i costi, creando dei post di Instant Marketing in chiave ironica, è la strategia social più sbagliata in questo momento.

Nella migliore delle ipotesi, potresti apparire insensibile andando a danneggiare la tua reputazione online.

Meglio puntare su altre tipologie di contenuti:

  • Citazioni motivazionali: per mantenere alto l’umore dei tuoi follower.
  • Contenuti d’intrattenimento, utili a per aumentare la fidelizzazione dei tuoi  clienti. Ecco qualche esempio concreto: un tutorial per ritardare curare la tua skincare (se hai un centro estetico), una ricetta  semplice da realizzare magari con i propri bambini.
  • Post informativi sulle misure di prevenzione del Covid-19. Il Ministero della Salute, ad esempio, ha messo a disposizione delle infografiche utili per spiegare il corretto comportamento per prevenire il contagio da Coronavirus. Nulla ti vieta, però, di preparare tu stesso delle infografiche creative, tenendo conto della correttezza delle informazioni divulgate
  • Post di ringraziamento ai tuoi dipendenti e fornitori, soprattutto se la tua attività è fra le attività produttive essenziali previste dall’ultimo DPCM.

Ecco una carrellata di esempi di post social ai tempi del Coronavirus realizzati per i nostri partner:

2. Ferma le Campagne Social Ads troppo promozionali

Tutto era pronto per creare un’Offerta imperdibile sui tuoi prodotti/servizi per Pasqua, da lanciare con il supporto dei Social Media attraverso una campagna Ads ma ecco che, a rovinarti la festa, arriva il COVID-19 e gli annessi decreti emergenziali per far fronte  all’emergenza sanitaria.

La domanda che ti starai facendo è: “Devo fermare tutte le campagne pubblicitarie sui social?” No, puoi sempre concentrarti sulla promozione dei post in cui mostri l’aspetto più umano e sensibile del tuo business, cercando di convogliare traffico qualificato verso il tuo sito web, per migliorare la tua brand awareness.

Se la tua attività fa consegne a domicilio di beni essenziali (es. una macelleria con piatti pronti), potresti creare delle Offerte per i tuoi clienti, a patto che siano realmente utili in questa situazione, realizzabili e – aspetto non secondario in questo momento- sensate.

In questo i Social ti vengono in aiuto: pensa ad Instagram Shopping, la funzionalità che ti permette di mostrare i tuoi prodotti direttamente semplicemente taggandoli nelle immagini pubblicate, senza bisogno di alcun e-commerce.

3. Cura la Customer Care

Un altro aspetto fondamentale da curare adesso è la Customer Care su Facebook nello specifico.

Molti probabilmente si stanno rivolgendo proprio ai social in questo momento per mettersi in contatto con le aziende, capire cosa ne sarà dei propri ordini/prenotazioni, comprendere se il tuo brand può aiutarlo in qualche modo.

Infatti, più di ogni altro Social Media, Facebook ti mette a disposizione una serie di strumenti per rimanere in costante contatto con i tuoi followe e clienti, effettivi o potenziali che siano. Fra di essi:

  • Il messaggio di benvenuto;
  • Le risposte automatiche a domande frequenti;
  • Il messaggio per lo stato di assenza.

Ti starai domandando: dove trovo tutti questi strumenti di Custiomer Care? Sono a pagamento?

La risposta, forse, ti sorprenderà: sono tutte funzionalità native di Facebook, impostabili direttamente all’interno della piattaforma, in maniera gratuita e molto rapida.

La prima domanda fondamentale che dovresti porti è: “Come posso essere utile?”.

È una domanda che dovremmo porci sempre.

Fai un check e assicurati che tutti gli strumenti di automazione e customer care messi a disposizione dai social siano attivi e ben funzionanti.

4. Approfittane per aggiornarti e migliorare le tue competenze

Stanno spopolando moltissime occasioni formative come corsi, webinar e community online, messe a disposizione da professionisti del settore o dai tuoi competitor.

Aumenta le tue competenze e rendi questa situazione un’occasione di crescita per te e il tuo business.

Contattaci ora per una Consulenza!